Quando si rimane svegli per ore di notte, incapaci di dormire, girarsi da un lato all’altro e non contare nemmeno gli arieti aiuta, e questa situazione si ripete notoriamente, può significare che si soffre di insonnia. Si tratta di una grave malattia, chiamata anche insonnia, già inclusa nella civiltà, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. I suoi sintomi non significano solo mancanza di sonno, ma anche problemi di addormentamento, sonno irregolare e svegliarsi troppo presto, tutti sintomi che richiedono un trattamento adeguato. Ci sono molti metodi per affrontare questa fastidiosa afflizione e vale la pena di usare in questa lotta tutti i modi disponibili per l’insonnia, per ottenere finalmente un sonno decente.

Insonnia – definizione del concetto

Molte persone non associano l’insonnia a una condizione medica, trattandola come una malattia temporanea e fondamentalmente innocua. Tuttavia, questo è un ragionamento completamente sbagliato, che ci fa sottovalutare, e la ricerca mostra chiaramente che i problemi del sonno possono interessare fino al 45% della popolazione adulta. Con il termine insonnia si intendono tutti i disturbi del sonno, soprattutto i disturbi del sonno:

  • la sua qualità;
  • ritmo;
  • profondità;
  • durata del periodo di sonno e di veglia;
  • risveglio prematuro;
  • sentirsi stanchi anche dopo diverse ore di sonno continuo.

Disturbi del sonno minori o maggiori possono capitare a chiunque, indipendentemente dall’età, dal sesso o dalla natura del lavoro. Scriveremo più dettagliatamente qui di seguito sulle loro cause, tuttavia vale la pena di sapere che ci sono alcuni gruppi a rischio che sono più suscettibili a questa malattia. Qui ci riferiamo soprattutto agli anziani, con malattie croniche a base mentale o neurologica. Particolarmente vulnerabili sono anche le donne in menopausa, nel bel mezzo di un ciclo mestruale, in gravidanza o nel periodo successivo al parto.

Insonnia – le cause della malattia

insonnia donna

La determinazione di tutte le cause dei problemi del sonno di solito richiede la visita di uno specialista, che allo stesso tempo aiuterà a scegliere il giusto trattamento, pur conoscendo le ragioni per cui non dormiamo, è possibile utilizzare anche rimedi casalinghi per l’insonnia, garantendo un sonno forte e buono. Funzionano sorprendentemente bene, ma quando i sintomi sono molto intensi, si rivela necessario l’uso di farmaci per il sonno forti e psicotropi assegnati da un medico.

Le cause della malattia sono molte, e c’è anche una divisione in primaria, secondaria, organica e inorganica, ma le più comuni che possiamo incontrare e cercare di affrontare sono le più comuni:

Problemi di salute mentale

Colpisce oltre il 50% di tutti i casi di insonnia, spesso associata ad un’altra malattia della civiltà del nostro tempo, lo stress. Al giorno d’oggi sarebbe difficile trovare una persona che non l’abbia incontrata almeno una volta, sperimentandone tutti i sintomi, e uno di questi è la crescente difficoltà ad addormentarsi. Oltre allo stress, sono responsabili anche altri disturbi psicologici:

  • nevrosi;
  • grave ansia e disturbi deliranti;
  • depressione o schizofrenia, malattie che richiedono assolutamente un trattamento farmacologico specialistico;
  • stati di forte agitazione emotiva;
  • disturbi derivanti da disturbi da stress post-traumatico;
  • disturbo affettivo bipolare;
  • che soffrono della paura dell’insonnia stessa, particolarmente intensificata se tali problemi si sono già verificati in precedenza.

Malattie coesistenti, spesso non riconosciute

L’insonnia non è causata esclusivamente da malattie che hanno una base nella nostra psiche, altrettanto spesso la causa sono i disturbi somatici, disturbi fisici responsabili di circa il 30% dei disturbi del sonno diagnosticati. Questi includono principalmente:

  • sindrome del dolore cronico e praticamente qualsiasi dolore ciclico ricorrente di intensità medio-alta;
  • danni fisici a varie parti del sistema nervoso;
  • malattie che rallentano il metabolismo e rendono difficile combattere il sovrappeso;
  • Malattie della tiroide, ipertiroidismo, ipotiroidismo, o infiammazione cronica della ghiandola tiroidea, malattia Hashimoto che colpisce le donne, derivante, tra l’altro, da un indebolimento del sistema immunitario;
  • ipertensione, insufficienza cardiaca e cardiopatia ischemica;
  • asma e altre malattie respiratorie, soprattutto polmonari;
  • disturbi gastrointestinali, indigestione, disturbi digestivi, reflusso gastrico;
  • ipertrofia prostatica;
  • il cancro;
  • l’apnea del sonno si manifesta con il russare;
  • Malattia Parkinson o Alzheimer;
  • sindrome delle gambe senza riposo (RLS).

Alcol, altre droghe e farmaci

Uno dei motivi più comuni per passare da un lato all’altro per ore e ore è l’abuso di alcol, che ha un effetto devastante sulla salute generale. Se beviamo subito prima di andare a letto, rischiamo di disturbare due importanti fasi del sonno:

  • la fase NREM responsabile del sogno ad occhi aperti si approfondisce;
  • la fase REM, responsabile del cosiddetto sonno profondo, è distorta, il che influisce sul deterioramento della qualità del sonno.

Dormendo in questo modo, non riusciamo certo a riposare, e il giorno dopo, oltre ai sintomi della sbornia, saremo accompagnati da una sensazione di costante stanchezza e mancanza di energia per svolgere anche le attività più semplici, oltre che da problemi di concentrazione e da un elevato nervosismo. Effetti simili possono essere osservati dopo aver bevuto nicotina o caffeina in eccesso, e sono anche causati da alcuni farmaci, come antidepressivi o contraccettivi ormonali.

Problemi di secrezione di melatonina

I problemi di addormentamento, la scarsa qualità del sonno e l’insonnia stessa, sono anche direttamente collegati alla carenza di melatonina nel nostro corpo. Si tratta di un ormone prodotto naturalmente nella ghiandola pineale, grazie alle sue proprietà chiamate “ormone del sonno” e prodotto solo al buio. Qualsiasi, anche piccola, fluttuazione nel suo livello disturba il nostro orologio biologico, quotidiano, senza il quale il corpo non distingue tra i ritmi della veglia e del sonno, e il risultato è, tra l’altro, una crescente difficoltà ad addormentarsi.

Insonnia – sintomi caratteristici

Tutte le cause sopra descritte dei disturbi del sonno, che portano all’insonnia completa, danno sintomi molto caratteristici, che, anche se variegati, sono facili da riconoscere da soli. Il più delle volte si verificano anomalie come:

  • una costante sensazione di sonnolenza, che spesso ci accompagna durante il giorno;
  • cattivo umore mentale, irritabilità e nervosismo, che diventano fonte di conflitti a casa o al lavoro;
  • problemi di concentrazione, memoria e concentrazione anche sulle attività più semplici;
  • il frequente risveglio notturno, che impedisce anche il corretto riposo e la rigenerazione del corpo;
  • mal di testa di diversa intensità e di origine di tensione o emicrania;
  • disturbi dell’apparato digerente, a partire dal bruciore di stomaco, attraverso indigestione, flatulenza, fino alla diarrea;
  • svegliarsi troppo presto e sentirsi insonne;
  • disturbi digestivi che possono anche portare al sovrappeso e all’obesità.

Rimedi naturali per l’insonnia

Il sonno è necessario per il nostro corretto funzionamento, e lo definiamo come uno stato fisiologico del sistema nervoso centrale in cui il nostro corpo rimane immobile e incosciente per un certo tempo. La quantità di sonno necessaria al giorno dipende da molti fattori, tra cui l’età, e la quantità media giornaliera di sonno è la seguente:

  • neonati, 12 – 15 ore
  • Bambini in età prescolare, 10 – 13 ore;
  • Bambini in età scolare, 9-11 ore;
  • adolescenti, 8-10 ore;
  • adulti, 7 – 9 ore.

Ci sono molti metodi per il trattamento dei disturbi del sonno, non è necessario raggiungere immediatamente per i farmaci per il sonno, può essere efficace, ma anche portare con sé numerosi, difficili da banalizzare, effetti collaterali. Ecco perché è meglio ascoltare il proprio corpo, fare alcuni cambiamenti nello stile di vita e utilizzare solo metodi naturali per l’insonnia negli adolescenti, negli adulti e negli anziani.

Generazioni di persone, tra cui le nostre mamme o nonne, che apprezzano i risultati della medicina naturale, li hanno testati. Se pensiamo e ci chiediamo cosa fare per l’insonnia, i rimedi casalinghi si riveleranno la soluzione migliore e, contrariamente alle apparenze, l’attuazione di tali cambiamenti non dovrebbe porre molte difficoltà. La base assoluta qui è la corretta igiene del sonno, a seconda dei fattori come:

Cambiare la vostra dieta con una più leggera e sana

Uno dei motivi per cui non riusciamo a dormire è la nostra dieta, che è anche la causa di molti disturbi, soprattutto digestivi, descritti sopra. Quello che mangiamo è spesso lontano dalle raccomandazioni di medici e nutrizionisti, che raccomandano soprattutto una dieta leggera e ricca di sostanze nutritive, senza la quale non possiamo sognare di dormire. I nutrizionisti fanno anche attenzione all’ora di cena, raccomandando di mangiarla 2-3 ore prima di andare a letto.

A parte il momento di consumare l’ultimo pasto, quello che mangiamo la sera è altrettanto importante e dovremmo rinunciare alle proteine in eccesso a favore di carboidrati più facilmente assimilabili. Si dovrebbe scegliere con cura la loro fonte, ricordando allo stesso tempo di avere un basso indice glicemico, quindi è meglio evitare il pane bianco di farina di frumento, patate e carne fritta, e vale la pena sostituire tutto questo:

  • pane integrale scuro, che ha un buon impatto sulla digestione;
  • riso integrale;
  • pasta integrale;
  • varie gole;
  • un sacco di frutta e verdura,
  • grassi sani, olio di cocco pieno di acidi grassi Omega – 3.

Infusi di erbe

infuso di melissa

Non bere la sera grandi quantità di bevande stimolanti, soprattutto caffè e tè, o anche yerba mate, d’altra parte, si consigliano erbe calmanti come la melissa, la camomilla altrettanto calmante o l’infuso di menta per aiutare la digestione della cena.

Consigliamo in particolare la melissa (Melissa officinalis), detta anche erba degli agrumi, le cui proprietà la predispongono al meritato nome di “regina del buon sonno”. Ciò è dovuto, tra l’altro, alla sua composizione, in cui i più importanti sono gli oli essenziali benefici per la nostra salute che dimostrano la loro efficacia, tra l’altro:

  • alleviare i sintomi dello stress;
  • sindrome da stanchezza cronica, che disturba anche la qualità del sonno;
  • nevrosi, tra cui il cuore e l’ansia e la depressione;
  • emicrania;
  • altre condizioni che causano problemi di sonno;
  • problemi di digestione e metabolismo lento.

Altri preparati a base di erbe, come l’estratto di radice di valeriana (Valeriana officinalis), sono caratterizzati da effetti simili alla melissa, proprio come spesso si usa quando si hanno sempre più problemi a dormire. La radice di valeriana, più ampiamente conosciuta come semplicemente valeriana, è un altro rimedio efficace per l’insonnia raccomandato dagli specialisti. Le sue proprietà calmanti ci faranno alzare perfettamente riposati e completamente rilassati al mattino dopo qualche ora di sonno pesante.

Molto spesso ci si chiede come curare l’insonnia in gravidanza, senza nuocere alla madre e al bambino. Le donne in questo stato, tuttavia, non dovrebbero usare la valeriana, ma la melissa è altamente raccomandata, soprattutto nel primo trimestre. Poi allevia tutti i disagi di stomaco, mentre fornisce i minerali necessari per la salute e grandi dosi di vitamina C.

Attività fisica

Il motivo dell’insonnia, spesso ignorato dalle persone che ne soffrono, è uno stile di vita sedentario e poco attivo. Possiamo tranquillamente rischiare un’affermazione secondo cui chi passa tutto il giorno al lavoro alla scrivania, e dopo essere tornato a casa sul divano davanti alla TV, non dorme certo bene. Naturalmente, non stiamo parlando di uno sforzo enorme appena prima di andare a letto, perché avrà l’effetto opposto e non vi addormenterete.

È meglio stancarsi durante il giorno e la sera calmare gradualmente il corpo perfettamente ossigenato, in modo che il sonno sia certamente lungo e profondo. La sera, andate a fare una passeggiata rilassante, andate in bicicletta per un’ora, fate un po’ di ginnastica o scegliete un’altra forma di attività fisica che sia altrettanto tranquilla.

Letto confortevole, materasso e camera da letto ben ventilata

Tutti conoscono il vecchio e verissimo proverbio “come si dorme così si dorme”. Per poter riposare bene la notte, è necessario avere un letto comodo e, prima di tutto, un materasso comodo e ben scelto. Non può essere né troppo morbido né troppo duro, deve adattarsi naturalmente alla curvatura del corpo, ritornando alla sua forma originale al mattino, senza deformazioni permanenti, garantendo allo stesso tempo una buona ventilazione. Ricordiamoci anche della biancheria da letto, necessariamente fatta di materiali naturali, traspiranti e non artificiali.

Importante quanto il letto, il materasso e la biancheria da letto, è la ventilazione della camera da letto, l’ultima volta mezz’ora prima di andare a dormire. Permetterà un efficace ricambio d’aria, e il tempo che passerà prima di andare a letto permetterà di riscaldare le lenzuola, perché a nessuno piace andare a letto freddo, soprattutto in inverno. Prima di andare a dormire, leggete il vostro libro rilassante preferito per un po’, ma solo in una tradizionale edizione cartacea. Ricordate anche che leggere su uno schermo incandescente di uno smartphone, tablet o laptop può causare disturbi nella secrezione di melatonina, interferendo con il processo di addormentamento.

Integratori alimentari – Melatonin Plus

Se siete alla ricerca di informazioni accurate su quelli che sono rimedi casalinghi comprovati per l’insonnia, il forum sull’insonnia sarà una buona fonte. Qui possiamo trovare notizie “di prima mano”, le opinioni degli utenti su come essi stessi affrontano questa malattia, e anche informazioni sugli integratori alimentari che possono aiutare nella sua cura.

Forum sui rimedi casalinghi per l'insonnia

Gli specialisti ne raccomandano uno in particolare, Melatonin Plus, con un’efficacia dimostrata dalla ricerca direttamente attribuibile alla selezione appropriata di principi attivi naturali, che sono:

  • melatonina;
  • Melissa;
  • coni di luppolo contenenti luppolina, un componente con effetti calmanti e sonnolenti;
  • camomilla selvatica, una fonte di oli essenziali che vi aiuterà a dormire la notte;
  • Radice di ginseng indiano, allevia i sintomi e gli effetti dello stress, permettendo di mantenere la calma anche nelle situazioni più nervose;
  • triptofano, che condiziona la corretta produzione di melatonina nella ghiandola pineale;
  • l – teanina, che facilita l’addormentamento;
  • GABA, o gamma – acido amminobutirrico, un neurotrasmettitore la cui carenza è un’altra causa di problemi di sonno;
  • Vitamina B6 (piridossina), che migliora il funzionamento del sistema nervoso;
  • zafferano, che è rilassante, assicura il buon umore e mantiene l’equilibrio mentale indipendentemente dalla situazione in cui ci troviamo.

Melatolin Plus è un integratore che funziona in modo completo per affrontare la maggior parte delle cause dell’insonnia, è completamente sicuro da usare e può essere assunto senza il rischio di effetti collaterali. Al miglior prezzo, è possibile acquistarlo attraverso il sito web del produttore e finalmente ottenere una buona notte di sonno.

Melatolin plus

Fonti:

  • https://www.healthline.com/health/insomnia
  • https://www.healthline.com/nutrition/melatonin-and-sleep
  • https://www.healthline.com/health/lemon-balm-uses