Non c’è niente di più prezioso della nostra salute, che purtroppo con l’età inizia a fallire lentamente, e le malattie che ci colpiscono a volte si rivelano molto difficili da curare. Per secoli, prima gli alchimisti e poi gli scienziati sono stati alla ricerca di modi per prolungare la loro vita e trascorrerla in una salute ininterrotta, piena di vitalità. Di tanto in tanto, nei media si parla di una nuova, miracolosa misura di questa abilitazione, che di solito dopo un po’ di tempo si rivela meno efficace di quanto ipotizzato in precedenza. Tuttavia, il progresso non si ferma, poiché stiamo assistendo ad un costante e turbolento sviluppo di nuove tecnologie e di altri campi della scienza, compresa la chimica, e uno dei risultati della ricerca attiva è il fullerene, che comprende anche l’Fuleren C60, un allergene del carbonio allotropico che può essere utilizzato in medicina, tra gli altri.

Fuleren C60 – chi l’ha scoperto e di cosa si tratta in realtà

Non si può negare che i fullereni hanno causato una vera confusione nel mondo della scienza, dimostrando che, oltre alle due forme pure già note di carbonio, il diamante e la grafite, ne apparve una terza, perfettamente pura. Questa scoperta, che potrebbe essere definita epocale, è stata fatta nel 1985 da tre scienziati di diverse università, Bob Curl e Richard Smalley di Rice University e Harry Kroto dell’Università del Sussex. La loro invenzione non passò inosservata, suscitando così tanto interesse e ammirazione che la band fu insignita del Premio Nobel per il suo lavoro. La nuova molecola fu chiamata “Buckminster fulleren” dal nome del progettista e architetto americano Buckminster Fuller, che progettò la copertura di edifici di grandi dimensioni sotto forma di cupole geodetiche con una forma simile a quella di una molecola di fullerene.

fuleren c60

Definendo in modo semplice e comprensibile per i profani, il concetto di fullereni può essere definito come carbonio, simile nella struttura a quello che si verifica comunemente, ad esempio, nella fuliggine che fuoriesce da una canna fumaria. Si tratta di solidi, dal caratteristico colore nero e brillantezza metallica, con proprietà chimiche simili a quelle degli idrocarburi aromatici. Sono molto difficili da sciogliere, solo in alcuni solventi aromatici, formando con essi una cosiddetta soluzione colorata, nel caso dell’Fuleren C60 di colore violaceo. I fullereni sono ottenuti mediante bombardamento laser di un disco di grafite pura che ruota in un flusso di elio. Purtroppo, questo metodo non solo era estremamente costoso e complicato dal punto di vista tecnologico, ma anche inefficiente, per cui oggi l’Fuleren C60 è ottenuto con il cosiddetto metodo della fiamma. E ‘molto più semplice, che consiste nel bruciare il toluene, un composto chimico del gruppo degli idrocarburi aromatici, risultante in una grande quantità di fuliggine, che contiene un sacco di molecole di fullerene, estratto mediante estrazione con il toluene di nuovo.

Fuleren C60 – struttura e caratteristiche principali

Fuleren C60 è quindi un’altra terza forma di carbonio a noi nota, con una struttura caratteristica che non può essere confusa con nessun’altra molecola. Consiste di ben 60 atomi di carbonio collegati tra loro in una forma complicata che assomiglia ad una sfera vuota all’interno, chiamata icosaedro troncato, ed è questa struttura specifica che determina le sue proprietà estremamente preziose. All’interno dei fullereni, ad esempio, è possibile chiudere gli atomi di molti altri elementi, e finora questo è stato fatto con quasi tutti i composti chimici noti, o anche tutti i composti chimici di dimensioni ridotte. Sono state confermate anche le loro proprietà superconduttive, per cui possono essere utilizzati come superconduttori, cioè in condizioni adeguate conducono l’elettricità senza alcuna resistenza. Se li combiniamo con le molecole di alcuni polimeri, sostanze chimiche ad alto peso molecolare, possiamo ottenere un lubrificante quasi ideale, ma il più promettente e interessante è il loro utilizzo in medicina. La ricerca ha dimostrato che l’Fuleren C60 è uno dei migliori antiossidanti, cioè una sostanza che assorbe e distrugge i radicali liberi pericolosi per la salute, causa di molte malattie, tra cui il cancro.

I radicali liberi – come nascono e perché sono così pericolosi

Il corpo umano può essere orgogliosamente paragonato ad una grande fabbrica che produce costantemente centinaia o addirittura migliaia di sostanze chimiche che hanno un impatto estremamente diversificato sulla nostra salute. Alcuni di loro lavorano positivamente, aiutando ad esempio nella corretta digestione, necessaria ad esempio nel processo di perdita di peso, altri garantiscono il corretto funzionamento di molti organi interni, come il cuore, i reni o il fegato. Tra le altre cose, produciamo collagene naturale, non senza ragione chiamata la proteina della gioventù, che si prende cura della salute della pelle, libera da eczemi e altre lesioni acneiche. Altrettanto importante è il suo impatto sulle articolazioni, che permette loro di mantenere la piena forma fisica e la mobilità fino alla tarda età avanzata. Un’altra sostanza importante, anch’essa prodotta naturalmente dalla nostra ghiandola pineale, è la melatonina, che regola l’orologio biologico interno, curando la qualità del nostro sonno e, di conseguenza, il riposo permettendo una corretta rigenerazione del corpo.

Purtroppo produce non solo sostanze positive, ma anche tossine pericolose e altri prodotti metabolici inutili e radicali liberi particolarmente pericolosi, la cui rimozione sicura non è più così facile. Sono atomi non accoppiati che possono disturbare significativamente l’equilibrio della salute. La maggior parte degli atomi di cui è composto il nostro corpo hanno un numero pari di elettroni nell’ultima orbita, ma a volte nel processo della loro produzione ci sono alcuni disturbi, con il risultato di uno solo. Un atomo così “impoverito” in termini di struttura si sforza costantemente di ritrovare l’equilibrio, circola in tutto l’organismo, cercando questa molecola perduta e di solito cerca di sottrarla ad altri atomi vicini ad essa. Purtroppo, mentre cerca ciò che ha perso, ha anche un effetto distruttivo sulla struttura degli atomi “derubati”, che a volte può avere gravi conseguenze, soprattutto quando si tratta, ad esempio, di atomi di proteine. In vari modi, distrugge molte di queste sostanze essenziali per la salute, causando gravi danni alle membrane cellulari o addirittura all’DNA. L’intero processo è chiamato stress ossidativo, che è un disordine del delicato equilibrio tra la quantità di radicali liberi e antiossidanti nel nostro corpo, consentendo la loro rimozione sicura ed efficace.

I radicali liberi – altri fattori che determinano la loro formazione e le malattie che causano

Abbiamo anche noi stessi una certa responsabilità per la formazione dei radicali liberi, e i fattori più comuni che possono causare il loro sviluppo lo sono:

  • vivere in uno stress costante che ha un’influenza negativa non solo sulla nostra psiche, ma anche sul nostro stato fisico, manifestandosi, tra l’altro, con apatia, mancanza di energia, o con la diminuzione di efficienza e potenza che a volte rende impossibile svolgere attività che richiedono molto sforzo. D’altra parte, un eccessivo sforzo fisico può anche causare l’intensificazione dei processi di formazione dei radicali liberi;
  • il consumo di troppo alcool e il fumo di sigarette che hanno un effetto distruttivo sul funzionamento di tutto il corpo. Effetti simili possono essere causati da farmaci assunti in grandi quantità, per cui vale la pena di limitarsi a quelli prescritti dal medico per disturbi specifici. In alternativa, è anche possibile utilizzare integratori alimentari comprovati, preferibilmente composti da ingredienti naturali a base vegetale, come l’Detox Dream Shake, per aiutarvi a rimuovere tutte le tossine;
  • dieta scorretta, povera non solo di sostanze nutritive, ma anche in grado di aumentare la quantità di radicali liberi in molti casi. Particolarmente dannosi sono gli alimenti soggetti a trattamenti termici eccessivi, le carni affumicate o gli alimenti grigliati o fritti;
  • uno stile di vita troppo intenso, troppo poco riposo e, soprattutto, troppo poco sonno;
  • fattori esterni al di fuori del nostro controllo, cioè l’aria inquinata che respiriamo, piena di molecole che possono portare a disturbi nei sistemi più importanti;
  • per essere stato a lungo al sole, esponendosi ai raggi UV intensi.

Siamo consapevoli del fatto che almeno gli ultimi due di questi fattori sono difficili da evitare, ma altri sono influenzati dal fatto che cambiare la dieta in una più sana o eliminare gli stimolanti ci permetterà di evitare lo sviluppo di molte malattie causate dall’eccesso di radicali liberi, come ad esempio….:

  • cambiamenti neoplastici che attaccano gli organi più importanti del corpo, causando principalmente cancro al polmone, alle ossa e al seno nelle donne, a seguito della modifica del codice DNA, che viene effettuata in modo incontrollato dai radicali liberi;
  • l’aterosclerosi, una grave malattia dei vasi sanguigni, che si manifesta nel loro restringimento a causa dei depositi di grasso sulle pareti delle vene e delle arterie, con conseguente minore ossigenazione degli organi più importanti, compresi il cuore e il cervello;
  • infarto, ictus, ipertensione;
  • tutti i processi patologici che portano ad un invecchiamento accelerato delle cellule, soprattutto della pelle, che è spesso la causa dei suoi tumori;
  • malattie degenerative del cervello e del sistema nervoso, Parkinson o Alzheimer;
  • vari disturbi dell’apparato digerente, dalla flatulenza e costipazione allo stomaco, pancreas, intestino e malattie del duodeno, compresi i tumori di questi organi, e in caso di funzionamento anomalo del pancreas siamo a rischio di diabete;
  • una cataratta che a volte porta ad una cecità irreversibile.

L’elenco delle malattie causate dai radicali liberi è molto più lungo, ma essi rappresentano già una minaccia così grave che il loro trattamento richiede l’uso di soluzioni moderne e rivoluzionarie, che è certamente Fuleren C60.

Fuleren C60 – qual è il suo effetto antiossidante?

Ci sono molti antiossidanti che aiutano ad eliminare i radicali liberi e finora la vitamina C è stata considerata la più forte di tutte quelle naturali. I suoi numerosi vantaggi sono innegabili, ma studi di proprietà simili di Fuleren C60 hanno dimostrato che sono molte volte più forti. Molti scienziati seri provenienti da rinomati centri di ricerca non senza ragione la chiamano la ginestra dei radicali liberi più efficace, che è colpita da molte delle sue proprietà essenziali, e secondo gli specialisti in questo campo la più importante è:

  • la struttura interna, che garantisce una stabilità eccezionalmente elevata, e l’elevato numero di doppi legami tra gli atomi di carbonio che la compongono, permette di collegare un numero record di atomi di radicali liberi, ad esempio fino a 34 radicali metilici pericolosi per la salute;
  • alta resistenza all’usura naturale e ai succhi digestivi, e nel nostro corpo Fuleren C60 si trova nei luoghi più sensibili, ovunque ci siano i radicali liberi più dannosi;
  • nessun impatto negativo sul corpo umano, questo tipo di carbone è sicuro al 100%, senza effetti collaterali indesiderati, cosa che non si può dire di altri farmaci oncologici comunemente usati.

L’effetto del Fulerene C60 può essere tranquillamente descritto come complesso, di cui nessun altro antiossidante, compresa la vitamina C, può vantare. Tra le altre cose, la sua azione antivirale si è dimostrata efficace non solo contro virus popolari come l’influenza, ma anche contro il virus HIV, causa di AIDS, una malattia che di solito provoca la morte di un paziente. Questo carbonio ha suscitato interesse non solo tra i virologi ma anche tra i medici di altre specialità, così come tra gli ortopedici che vogliono utilizzarlo nel trattamento dell’osteoartrite, dell’infiammazione e della possibile disintegrazione del tessuto articolare o osseo. Tuttavia, il campo più importante dove l’Fuleren C60 troverà sicuramente la sua applicazione è l’oncologia. Il trattamento del cancro con metodi tradizionali è altamente efficace, soprattutto in caso di risposta precoce ai primi sintomi, ma gli effetti collaterali della chemioterapia o delle radiazioni causano altre, non meno fastidiose complicazioni sanitarie. Ci sono anche seri problemi nel fornire fattori che eliminano attivamente le cellule tumorali direttamente alla fonte della malattia. Fuleren C60 si combina con le molecole di un tale farmaco, consentendo il loro rilascio prolungato e, di conseguenza, una maggiore efficacia del trattamento.

Una neutralizzazione accurata e rapida e la rimozione dei radicali liberi dal corpo influenza positivamente la nostra salute, ma anche promettenti sono gli studi che dimostrano che il carbonio con un numero molecolare di C60 può essere considerato un mezzo naturale per prolungare la vita, prevenendo la maggior parte dei processi di invecchiamento del corpo. Gli esperimenti sui ratti hanno dimostrato in modo conclusivo che la durata di vita di coloro che assumono regolarmente preparati a base di fullerene è aumentata di quasi il 90 per cento. Anche l’impatto di Fuleren C60 sull’estensione della vita umana è in fase di studio, e il Dr. Phil Meyers, uno specialista in medicina funzionale che lavora per Ohio, lo sta testando su se stesso. Gli effetti positivi cominciarono a farsi sentire dopo poco tempo, tra le altre cose, la forma fisica generale migliorò e i muscoli si rigenerarono più velocemente dopo un grande sforzo. Purtroppo, i risultati ottenuti non sono ancora di grande interesse e i preparati contenenti questa forma di carbonio sono disponibili in quantità limitate e nella maggior parte dei paesi sono ancora considerati un integratore alimentare piuttosto che un vero e proprio medicinale. Purtroppo, questo è il caso delle novità, ma possiamo sperare che con il tempo cambierà e presto saremo in grado di acquistare i farmaci Fuleren C60 in ogni farmacia e godere della piena salute, protetti dalle malattie causate dai radicali liberi, e la nostra vita sarà significativamente prolungata.