Continuando il nostro ciclo delle proprietà e dell’uso dei semi di cannabis, non dobbiamo dimenticare i semi di cannabis, altrimenti noti come semi di cannabis. Non sarà esagerato dire che con la ricchezza di sostanze nutritive in essi contenute, pochi altri cereali possono essere uguali, per cui sono sempre più utilizzati in dietetica e medicina naturale. Quindi vale la pena di conoscerli meglio e decidere se vale la pena di introdurli in modo permanente nel nostro menu quotidiano.

Semi di cannabis – come si differenzia dalla cannabis e come può essere coltivata legalmente

La semina della canapa, che fino a qualche tempo fa era coltivata su scala industriale in quasi tutto il nostro paese, sta vivendo una vera e propria rinascita, finalmente libera dai pareri negativi che la accompagnano. Per anni, purtroppo, sono stati confusi con la varietà indiana, piena di THC, una sostanza pericolosa dalle proprietà narcotiche, da cui differiscono radicalmente. La canapa da semina (Cannabis Sativa L.), detta anche canapa fibrosa, è una pianta appartenente alla famiglia della canapa, che cresce naturalmente in Asia, nel Caucaso meridionale e in Afghanistan. La differenza tra questa varietà e la varietà indiana è così grande che è davvero impossibile confonderle, e si differenziano non solo per l’aspetto ma anche per il contenuto nutritivo. Nei semi di cannabis possiamo trovare solo minime, anche tracce di THC (tetraidrocannabinolo), quindi la loro coltivazione è legale in Polonia, anche se è regolata da regolamenti strettamente vincolanti.

La canapa fibrosa può essere coltivata solo in un’area predefinita, su un’area definita, con semi appartenenti al cosiddetto gruppo d’élite. La condizione per iniziare tale coltivazione è anche la firma di un contratto di coltivazione con un’azienda in possesso di un permesso per l’acquisto e l’ulteriore lavorazione delle sementi, rilasciato dall’ufficio del maresciallo di una determinata provincia. I semi di cannabis sono utilizzati in molti modi diversi, il più noto è l’olio di canapa prodotto da loro, che ha molte preziose proprietà salutistiche. Sono anche usati per produrre l’olio CBD, contenente cannabidiolo, che è sempre più utilizzato nel trattamento di molte malattie. A questo duo si sono aggiunti i semi di cannabis, noti anche come semi di cannabis, che, secondo molti specialisti, hanno eccellenti proprietà nutrizionali, addirittura migliori dei popolari semi di lino.

Semi di cannabis – composizione chimica, o ciò che si può trovare in ogni grano

Una parola chimica può a prima vista causare qualche controversia in noi, ma tutto ciò che ci circonda è costituito da alcune sostanze chimiche e non è diverso nel caso dei semi di canapa. La composizione determina direttamente le loro proprietà pro-salute, e la ricchezza di sostanze che si trovano in loro delizia non solo i profani, ma anche molti specialisti in una sana alimentazione. Tutti gli ingredienti sono presenti in proporzioni perfettamente abbinate, massimizzando l’impatto positivo sul nostro corpo. Possiamo dividerli in tre gruppi più importanti, e il valore nutrizionale dei semi di cannabis li rende un super cibo d’elite.

Le sostanze nutritive che troviamo nei semi di canapa di cannabis

(1) Vitamina E e altre sostanze ugualmente preziose ed essenziali per la preservazione della salute.

Il nostro corpo non è in grado di funzionare correttamente senza un’adeguata dose giornaliera di vitamine, che dobbiamo rifornire regolarmente di cibo. La vitamina più importante che si trova nei semi di cannabis è la vitamina E, non senza ragione chiamata vitamina della gioventù e della fertilità. Si tratta di un prezioso antiossidante naturale, il cui compito principale è quello di proteggere l’organismo dallo stress ossidativo, che può causare danni alle cellule a causa degli effetti negativi dei radicali liberi. Rallenta tutti i processi di invecchiamento, permettendoti di rimanere sano e giovane per lungo tempo. Ha anche una grande influenza sul lavoro muscolare. Protegge le piastrine rosse dal contatto incontrollato e pericoloso che si attacca insieme, partecipando alla sintesi di anticoagulanti per prevenirlo. E ‘anche essenziale per la corretta produzione di sperma negli uomini e nelle donne, influenzando il corretto sviluppo del feto e il mantenimento della gravidanza.

Oltre alla vitamina E, la canapa contiene anche preziose vitamine del gruppo B: B1, B3, B5 i B6, che influenzano la crescita delle ossa, la condizione della pelle e delle unghie, sostengono il sistema immunitario, partecipano attivamente alla sintesi del testosterone, un ormone maschile essenziale. La vitamina A, a sua volta, ha un effetto anti-cancro, rafforza le pareti cellulari, migliora la visione, accelera la guarigione delle ferite e sostiene la produzione di globuli rossi.

2. acidi grassi insaturi Omega-3, Omega-6 e Omega-9

Un altro ingrediente importante dal punto di vista della nostra salute, che si trova nei semi della canapa, sono acidi grassi insaturi di grande valore, tra i quali i più importanti sono gli acidi grassi insaturi:

  • Omega-3, che è l’elemento base di tutte le cellule del nostro corpo, è incluso negli acidi NNKT, cioè gli acidi grassi insaturi essenziali, senza i quali non possiamo farne a meno. Omega-3 protegge il nostro corpo da molte malattie pericolose, tra cui il cancro, e ha un grande impatto sulle funzioni cerebrali, aumentando la memoria e la concentrazione, migliorando la visione e prevenendo la degenerazione maculare. Hanno anche un effetto estremamente benefico sul cuore e sull’intero sistema circolatorio, proteggendo da condizioni quali infarto, aritmie e coaguli particolarmente pericolosi. Il loro effetto positivo sarà presto percepito dal nostro sistema immunitario;
  • Omega-6, che ha principalmente proprietà antinfiammatorie, protegge da molte malattie autoimmuni, previene l’accumulo di colesterolo LDL nel sangue, che ci protegge da aterosclerosi, ictus o infarto. Come la Omega-3, sono i mattoni delle cellule, permettono di regolare la pressione sanguigna troppo alta, regolano l’equilibrio ormonale del corpo, aiutano nel trattamento del diabete di tipo II, sostengono il lavoro dell’apparato digerente. Consegnandoli nelle giuste quantità, proprio con i semi di cannabis, ci occupiamo anche dello stato della pelle, che è sempre adeguatamente idratata, e dei capelli, in modo da poter controllare rapidamente ed efficacemente la loro eccessiva perdita;
  • Omega-9, un altro acido insaturo, detto anche acido oleico, senza il quale non siamo in grado di funzionare normalmente, anch’esso incluso in NNKT, caratterizzato da un’azione complessa e multistrato, che supporta efficacemente il lavoro di molti sistemi e organi del nostro corpo. Ha un buon effetto sul lavoro del cuore e del sistema circolatorio regolando il livello del suddetto colesterolo LDL, aiuta a combattere i disturbi sgradevoli del sistema digestivo, riducendo la quantità di acidi gastrici secreti, in modo che non sentiamo bruciore di stomaco, previene anche la formazione di calcoli biliari. Come Omega-6, migliora le condizioni della pelle aiutando a combattere l’irritazione e l’infiammazione.

Vale anche la pena di notare che i primi due acidi grassi insaturi della lista, Omega-3 e Omega-6, sono presenti nei semi di cannabis in proporzioni perfettamente calibrate, rapporto ottimale 3 a 1. Questo è l’equilibrio che è sicuramente il più benefico per la nostra salute, neutralizzando possibili effetti di carenza o eccesso di uno di questi acidi.

3. i minerali, le fibre alimentari e gli alti livelli di proteine

Oltre alle vitamine e agli acidi grassi, la canapa è anche una ricca fonte di minerali e fibre alimentari facilmente assimilabili. Tutte le carenze nella nostra dieta degli elementi più importanti finiscono quasi immediatamente con condizioni di malattia difficili da curare, e nei semi troveremo i minerali di cui abbiamo bisogno come:

  • ferro;
  • Zinco;
  • fosforo;
  • calcio;
  • ferro;
  • silicio;
  • il rame;
  • Boro;
  • sodio;
  • Iodio.

La presenza di fibra alimentare nella sua forma facilmente assimilabile, a sua volta, ha un effetto molto positivo sulla digestione e in generale sul lavoro di tutti gli elementi del nostro apparato digerente. Rallenta l’assorbimento dei carboidrati, contrastando così le fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue, elimina le tossine e altri prodotti metabolici negativi dell’organismo, prevenendo lo sviluppo di malattie dello stomaco o intestinali. L’azione aggiuntiva della fibra si basa su un’efficace soppressione dell’appetito che, se non controllata nel tempo, termina con uno spuntino che porta al sovrappeso e all’obesità.

Semi di canapa – irresistibili benefici per la salute

Osservando una tale composizione, non è davvero sorprendente che i semi di cannabis e i suoi semi, cioè i semi di cannabis, hanno recentemente fatto una splendida carriera in tutto il mondo, non solo tra gli amanti del cibo sano, ma anche tra i molti appassionati di medicina naturale. I benefici della loro introduzione alla dieta sono evidenti, e il consumo regolare è consigliato a tutti coloro che se ne prendono cura:

  • Rafforzare la vostra immunità, questa barriera naturale che protegge il vostro corpo dalle malattie e da altre infezioni;
  • efficace profilassi che protegge dai problemi cardiaci e circolatori;
  • nel caso delle donne, per alleviare sia i sintomi delle mestruazioni stesse, spesso con un decorso molto doloroso, sia i sintomi della sindrome premestruale;
  • costante mantenimento di una corretta microflora batterica nell’intestino, necessaria anche per una rapida digestione e combustione del tessuto adiposo;
  • regolazione dell’intera economia ormonale dell’organismo, che evita aumenti incontrollati del livello di alcuni ormoni, specialmente quelli che si trovano durante la menopausa o l’andropausa;
  • pelle perfettamente liscia, soda, senza nemmeno le minime lesioni acneiche, perfettamente idratata e con una colorazione naturale e profonda;
  • capelli forti, ininterrotti e ben nutriti, che previene la caduta dei capelli e non richiede l’uso di alcun agente farmacologico;
  • nessun problema digestivo, diarrea, costipazione o flatulenza;
  • mantenere corretti i livelli di glucosio e abbassare il colesterolo “cattivo” nel sangue, aumentando al contempo questo beneficio per la salute;
  • per integrare completamente le carenze esistenti nei nutrienti sopra descritti, con particolare attenzione agli acidi grassi Omega-3, Omega-6, Omega-6, Omega-9.

Semi di canapa – come consumarli al meglio

I semi di semi di cannabis si possono trovare facilmente nei negozi di alimenti naturali, dove di solito sono disponibili in varie forme, macinati, sgranati o interi insieme alle bucce, che contengono anche ingredienti preziosi per la salute. Anche il prezzo per una tipica confezione non è troppo alto e per una confezione di semi da 250 g paghiamo solitamente non più di 3 – 5 €. Possono essere utilizzati con successo come aggiunta a molti piatti, ad esempio aggiungendoli in forma macinata alla farina, da cui prepariamo noi stessi delizioso pane o biscotti. Funzionano bene anche come ingrediente per i cocktail, specialmente se mescolati con le nostre verdure e frutta preferite. I semi di canapa di cannabis sono anche utilizzati per produrre questo olio eccezionalmente gustoso, un condimento ideale per insalata, dove non si può friggere nulla a causa della bassa temperatura del fumo. Ci sono molte idee per l’uso di semi di cannabis in cucina, e quando si guardano le ricette sulle pagine della sana alimentazione, ognuno troverà qualcosa per se stesso.